Chi siamo

La masseria “Fatalò” trae il nome da quello di un’antica famiglia leccese estinta nel 1600 e da quell’epoca appartiene alla famiglia dell’attuale proprietario.
Si svolge su una superficie di circa cinquanta ettari, coltivati prevalentemente ad uliveto, con alcune centinaia di alberi monumentali di età non inferiore a 500/600 anni.
Sudetta superficie ed in posizione pressocché centrale, insiste un fabbricato in pietra leccese di circa mille metriquadri edificato nei primi novecento, mentre é ancora visibile, ma in rudere, l’antica masseria (anno 1300/1400), edificata con pietre informi e terra.
Si trova in territorio di Cavallino (LE) ed é raggingibile in dodici chilometri da Lecce, percorrendo la strada a scorrimento veloce Lecce-Maglie.
Il frantoio semipogeo, dipendente dalla masseria in quanto “aziendale”, é ubicato in Lizzanello (LE) in zona centralissima (Via Antonio Gramsci n.29), edificato nel secolo sedicesimo dai frati Celestini e da questi ceduto nel
1700, epoca in cui si sciolse il suddetto ordine monastico.
Da quell’epoca anch’esso appartiene alla famiglia dell’ attuale proprietario.
Nel 2004 é stato restaurato ed adeguato alle norme igienico-sanitarie per renderlo attivo; vi si produce infatti olio di altissima qualità, utilizzando macchine antiche.
La superficie su cui si svolge é di circa metriquadri quattrocento, mentre l’intero stabile, che in origine comprendeva stalle per gli asini che azionavano le macine, cucine ed alloggi per i frati lavoratori, é di circa metriquadri 1200.
Vi sono custoditi arredi e macchine dell’epoca in cui fu edificato.